Salentina e classe 1981.

Architetto dal 2006, specializzazione in design industriale e master in grafica e pubblicità nel 2008, nel 2009 apre a Pescara il proprio studio di progettazione architettonica, nel 2010 lo amplia con il laboratorio di autoproduzioni sperimentali e nel 2018 con la sezione di comunicazione grafica e visual. Vincitrice di svariati contest internazionali, partecipa a molteplici eventi e collettive, oltre che alle più importanti fiere di carattere nazionale ed internazionale nel settore design e moda. Espone alla Milano Design Week dal 2010 al 2019, al Salone del Mobile Fiera Milano 2016 e 2014, alla StocKholm Furniture Fair 2015, alla Design Week Mexico 2015, alla Dubai Design Week e London Craft Week nel 2019. Scelta dal 2013 al 2018 da La Triennale Design Museum come una dei rappresentanti del nuovo design italiano per la mostra itinerante The New Italian Design 2.0 (San Francisco, Santiago del Cile, Cape Town, South Korea, Cina) e nel 2016 per la XXI Triennale Esposizione Internazionale-W Woman in Italian Design. Dal 2014 è docente di progettazione nel Master in Interior Design e Visual Merchandising presso l'Istituto di Formazione Infobasic. Dal 2017 al 2019 si occupa della Comunicazione, Formazione e Workshop artistici per l'azienda Cement Design Italia. Dal 2018 è Art Director, e Responsabile Comunicazione, insieme all'Ufficio Stampa di Caterina Misuraca, di #FoodDesignStories, un nuovo format di eventi dedicati alla scoperta dei progettisti della "tavola". In continua ricerca e studio delle contaminazioni e sinergie tra materiali, sperimentazione e design.

 

LE MANI_designer

Ogni pezzo del mio laboratorio è unico e fatto a mano. Ogni collezione è in piccole serie limitate. Aggregazioni creative con oggetti di scarto della quotidianità, delle produzioni industriali ed in particolare lavorazioni edili.  Creazioni "sperimentali" in cui si usano impasti di eco-cemento per edilizia, acqua e fili di canapa da idraulico, lavorati insieme riscoprendo antiche tecniche della cartapesta.

Il tutto condito sempre con un (auto)biografico spirito salentino.

IL CUORE_architect

Ogni luogo deve raccontare qualcosa, non può essere un solo involucro. Se nuovo e progettato dall’inizio sarà la scenografia della storia n°zero di chi lo abiterà. Se antico e ridisegnato con un restyling porterà i segni delle pagine precedenti. Segni e materiali sono sempre le parole con cui scrivo nuovi capitoli architettonici.

Perché gli spazi devono far innamorare.

GLI OCCHI_visual artist

Rendendomi conto che il confine estetico tra la mia vita privata e quella professionale è sempre stato quasi invisibile …raccolgo ogni giorno istantanee di quotidianità. La bellezza inconsapevole dell’intorno ha per me lo stesso valore di quella ricercata e costruita su un set. Rigorosamente in autoscatto. La mia espressione prima è così quella dell’immagine, grafica o fotografica (visionabile sui profili social).

Un’antologia di cose poetiche.

© 2020 Sandra Faggiano